Maneskin Gucci e altre unioni di successo

28 Gen , 2024 - Home,Icone,Moda

Maneskin Gucci e altre unioni di successo
0 Condivisioni

Quando un brand di moda collabora con un artista o un altro marchio possono nascere delle idee davvero vincenti, come quella tra i Maneskin e Gucci. In questo articolo ti racconterò questa e altre collaborazioni della maison fiorentina.

Maneskin Gucci e altre unioni di successo

Se ami la musica certamente avrai assistito con piacere all’ascesa al successo dei Maneskin, band che negli ultimi 3-4 anni ha rivoluzionato il rock italiano. Da Sanremo all’Eurovision, fino ai palchi internazionali, il gruppo ha conquistato il pubblico non solo con il loro sound ma anche con un look glam e provocatorio.

Artefice dei loro outfit è Alessandro Michele, precedente direttore creativo di Gucci, che ha saputo fondere perfettamente il carattere elegante e sensuale tipico della maison con la vena ribelle e sofisticata dei Måneskin, dando vita a uno stile autentico.

Ripercorriamo tutte le tappe della collaborazione.

Maneskin per Gucci: la collezione Aria

Gucci ha lavorato per la prima volta insieme alla band romana nel 2021, in occasione dell’uscita della collezione Aria, che ha celebrato il centenario del brand.

I Måneskin sono stati invitati a partecipare al video e agli scatti fotografici della campagna promozionale, indossando alcuni capi e accessori più iconici della collezione. In questa occasione secondo me l’unione Gucci Måneskin si è dimostrata vincente.

Il carattere anticonformista del gruppo è infatti stato perfetto per interpretare il concept di Aria. Questa celebra le origini della maison e le sue creazioni più famose, rivisitando il tutto in chiave sensuale e trasgressiva. Abbiamo infatti:

  • Un omaggio al passato di Gucci come marchio di pelletteria, con richiami al mondo equestre e le celebri valigie con il logo “GG”.
  • Capi ispirati agli anni ’90, quando il direttore creativo era Tom Ford.
  • Cristalli e tessuti preziosi, che diventano oggetto del desiderio.

Il Loud Kids Tour

Alessandro Michele non si è però fermato qui, e l’anno scorso ha continuato a curare il look dei Måneskin. D’altra parte, quando si trova un artista che riesce ad esprimere così bene il tuo stile, è impossibile fermare la vena creativa.

Gucci ha quindi firmato gli outfit del Loud Kids Tour, durante il quale la band si è esibita in diverse località italiane ed europee. Ad ogni tappa i quattro ragazzi si sono dimostrati non solo degli artisti fenomenali nel panorama del rock, ma anche delle icone di stile ambiti in tutto il mondo.

L’accoppiata Maneskin Gucci si è quindi rivelata un’altra volta un autentico successo. A ogni concerto ci hanno infatti regalato degli look stratosferici, dove velluto e trasparenze sexy si mixano a

  • Pantaloni a zampa
  • Fiamme
  • Dettagli che ricordano la moda anni ’70 (a questo proposito qui ti do qualche dritta per ricreare un perfetto look Seventies).

Le altre collaborazioni di Gucci

Quella con il gruppo trionfatore di X Factor non è stata però la sola collaborazione vincente intrapresa da Gucci. Durante gli anni in cui ha lavorato presso la maison fiorentina Alessandro Michele ha vestito infatti alcune delle celebrities più famose del mondo dello spettacolo. Inoltre, non mancano iniziative legate ad altri marchi.

Ecco alcuni esempi:

Harry Styles e la Ha Ha Ha Collection

Quella tra il cantante britannico Harry Styles e il direttore creativo di Gucci è nata come un’amicizia, per poi trasformarsi in una collezione moda decisamente innovativa e che scavalca ogni definizione di genere.

“Ha Ha Ha”, che ricorda il suono di una risata, ma anche le iniziali di Harry e Alessandro, racconta infatti un nuovo modo di vedere i capi di vestiario. Questi non per forza devono attenersi a dei rigidi dettami “uomo / donna”, ma sono fatti per farti sentire bene (qui ti spiego il significato di genderfluid).

Il tutto è stato declinato in maniera giocosa e divertente, mixando eleganti completi in principe di Galles con stampe cartoon e tinte vivaci. Esattamente come quella dei Maneskin per Gucci, la Ha Ha Ha Collection si è dimostrato un ottimo esempio di come dei valori in comune tra artista e casa di moda possono contribuire a creare dei nuovi trend.

Vestiaire Collective

Ho voluto lasciare per ultima questa collaborazione con uno dei più famosi siti di moda second hand per raccontarti di come anche Gucci si stia orientando verso un futuro più attento alle tematiche ambientali. L’iniziativa si chiama Preloved e prevede la possibilità di dare una seconda vita alla propria borsa Gucci che non si usa più.

Chi possiede uno dei modelli di borse più iconici del brand può richiederne una valutazione, per poi rivenderlo sul portale di Vestiaire Collective. In questo modo non solo si fa del bene all’ambiente, ma si ha modo di far continuare ad amare un accessorio indipendentemente dal passare delle tendenze.

Conclusione:

Fine della carrellata! Queste sono solo alcune delle collaborazioni che Gucci ha intrapreso con artisti o brand, ma se vorrai potremo parlare anche di altre case di moda, perché le unioni di successo sono sempre interessanti da raccontare.

COSA NE PENSI?

Gucci e le collaborazioni a dirigenza di Alessandro Michele hanno portato il brand alla ribalta. Tu cosa ne pensi di questi esempi e fusione tra marchio e artisti? Fammelo sapere inserendo un commento proprio qui sotto condividendo i tuoi pensieri senza dimenticarti di mettere un MI PIACE ed ISCRIVERTI al BLOG per restare aggiornat* sui miei contenuti futuri.

0 Condivisioni

, , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.